CorriereNerd.it

Blacky Mole – Storie Brevi di Antonio Pannullo

“Blacky Mole – Storie Brevi” di Antonio Pannullo, la nuova opera dell’autore italiano, ci porta ancora una volta nelle avventure irriverenti dei suoi iconici personaggi. Già protagonisti di “Blacky Sabbath” e “Rattus Norvegicus”, questi eccentrici amanti del black metal hanno fatto di Burzum, celebre cantante black metal, il loro credo.

La prima storia, intitolata “Conversione”, affronta uno dei temi principali di questo fenomeno: l’ispirazione alla cultura scandinava medievale. Ambientata nella Norvegia del X secolo, in un periodo in cui i vichinghi subirono una conversione forzata al cristianesimo, i protagonisti si oppongono con violenza per difendere la loro religione pagana. Le provocazioni continuano nella seconda storia, intitolata “Sacro sangue”, raggiungendo livelli di blasfemia eccezionali: scene sarcastiche e suore iper-sessualizzate criticano la spettacolarizzazione del culto del sangue di San Gennaro.

Infine, la narrazione di “Olaff il bruciato” attinge direttamente dal romanzo “La camicia di ghiaccio” di William T. Vollmann, il primo dei Sette Sogni dedicati al mito della fondazione americana. Questa saga espone la colonizzazione del Nord America, mettendo in contrasto le popolazioni indigene e i pionieri provenienti dal Vecchio Mondo. Il libro si sviluppa attraverso una successione di epoche che mostrano lo scontro tra queste due popolazioni e l’effetto devastante che la tecnologia dei colonizzatori ebbe sugli indigeni. Inizia con un romanzo ambientato nella Norvegia dell’IX-X secolo, durante le lotte per il potere.

L’albo rappresenta quindi due mondi in contrasto, non solo attraverso i combattimenti, ma anche attraverso l’omicidio di un figlio che diventa diverso e quindi nemico. Una profonda oscurità pervade l’atmosfera dell’opera, con tavole in bianco e nero in cui il nero primeggia. Nonostante l’uso intensivo delle linee, l’autore riesce comunque a includere numerosi dettagli, molti dei quali sono collegati al mondo del black metal. La palette di colori e gli oggetti emblematici richiamano l’universo dei Burzum, mentre l’ambientazione e le critiche dell’albo traggono ispirazione dalla band stessa. Il tono irriverente e sarcastico dell’autore lancia audaci accuse, presentate in modo non convenzionale.

Spesso abbiamo ascoltato storie stereotipate sui metallari, che hanno contribuito a diffondere pregiudizi. Come suggerisce il romanzo di William T. Vollmann, però, dovremmo evitare di fermarci alle mezzetinte e cercare di comprendere a pieno il significato provocatorio di quest’opera. L’autore non trascura nemmeno coloro che abitavano già le terre conquistate: la storia non inizia con la scoperta dell’America, ma con una violenta invasione dei territori indigeni. Lo stesso vale per coloro che rivendicano l’identità black metal: prima di etichettare l’albo come blasfemo, è importante cercare di comprenderne il significato più profondo.

Infatti, il black metal può essere considerato un fenomeno culturale le cui caratteristiche non si limitano alla musica. Le sue origini risalgono ai paesi scandinavi come la Norvegia e abbracciano credenze medievali come il paganesimo, l’anticristianesimo e il satanismo. Queste influenzano le azioni dei suoi seguaci, che spesso rompono gli schemi e si ribellano agli stereotipi sociali, tanto che sono frequentemente etichettati come “disadattati”. Il loro look, come ad esempio l’uso del “corpse-paint” per sembrare dei cadaveri o dei demoni, e la simbologia sono parti integrali di questo fenomeno.

“Blacky Mole – Storie Brevi” è un libro che rappresenta tutti gli adolescenti amanti del metal, scritto da qualcuno che conosce bene questo universo. Tuttavia, l’albo è rivolto anche a un altro tipo di pubblico, con l’obiettivo di stimolare riflessioni e una maggiore comprensione dei contenuti che scoprono un racconto profondamente legato alla storia e alla cultura norvegese.

Satyrnet

Satyrnet

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!