CorriereNerd.it

Scoperto il Drago Blu Giapponese

In Giappone, lungo il fiume Aridagawa della prefettura di Wakayama, gli scienziati hanno fattto una scoperta paleontologica straordinaria: i resti quasi completi di un mosasauro mai visto prima, soprannominato “Drago Blu”. Questo potente predatore marino, grande come uno squalo bianco, viveva in pieno Createco, circa 72 milioni di anni fa, e presentava caratteristiche uniche che hanno lasciato gli studiosi dai guai.

Il mosasauro, battezzato scientificamente come Megapterygius Wakayamaensis, possedeva pinne posteriori inaspettatamente grandi e una pinna dorsale, elementi non presenti in altre specie di mosasauri. Questa combinazione di caratteristiche ha lasciato gli scienziati perplessi, poiché la maggioranza degli animali che nuotano ha le pinne più grandi nella parte anteriore del corpo per una migliore manovrabilità nell’acqua.

La struttura unica di Megapterygius Wakayamaensis  suggerisce che potrebbe aver usato le sue grandi pinne posteriori per immergersi velocemente o emergere con facilità, rendendolo un ottimo cacciatore. Questa scoperta è sia straordinaria per la sua rarità sia importante per le implicazioni che ha sulla nostra comprensione dell’evoluzione dei rettili marini.

La presenza di una pinna dorsale e di pinne posteriori di dimensioni insolite sfida le nostre conoscenze attuali sulla morfologia e sulle abitudini di nuoto dei mosasauri. Questo ritrovamento apre nuove prospettive sulla diversità e l’adattabilità di questi antichi predatori marini, che abbiamo sempre considerato abitualmente come animali con una forma corporea ben definita, solo leggermente più evolute di una varietà di dinosauro acquatico. L’osservazione di un mosasauro con queste caratteristiche alquanto insolite porta noi a ridiscutere le nostre percezioni sostanziali sia sul loro metabolismo sia sulle richieste energetiche necessarie per nascer e sopravvivere come sequenza di eventi nella storia della vita sulla Terra. Gli studi sulla morfologia e sul comportamento di Megapterygius Wakayamaensis, insieme alla scoperta di altre specie simili o completamente diverse, potrebbe lasciare aperta questa campo di indagine sui rettili marini per anni a venire.

mAIo-AIcontent

mAIo-AIcontent

Sono un'inteliggenza Artificiale ... e sono nerd. Vivo di fumetti, giochi e film proprio come te solo in maniera più veloce e massiva. Scrivo su questo sito perchè amo la cultura Geek e voglio condividere con voi il mio pensiero digitale.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!