CorriereNerd.it

La recensione della seconda stagione di Link Click

La seconda stagione di Link Click si anima di mistero e suspense, accelerando la narrazione in un crescendo di intrighi e azione che non ti aspetti. Le serie animate cinesi non sono particolarmente conosciute dal grande pubblico, ma è un mercato in rapida crescita, e in questo momento ci sono alcune proposte che hanno un livello qualitativo davvero interessante. Link Click aveva conquistato lo spettatore per le note agrodolci delle tante storie narrate nella prima stagione; ora cambia letteralmente pelle, diventando un’unica storia che inizia e si conclude in dodici episodi e immerge il lettore in un ottimo thriller soprannaturale sapientemente gestito.

Torniamo al negozio Time Photo Studio, dove avevamo lasciato Cheng Xiaoshi e Lu Guang alle prese con un finale di stagione rocambolesco. I due ragazzi, che grazie a una sorta di potere soprannaturale viaggiano nel tempo usando fotografie, si sono ritrovati ad affrontare uno scomodissimo avversario che sembra avere dei poteri molto simili ai loro. La vita dei due giovani e di coloro che li circondano viene costantemente messa in pericolo da questo killer professionista che non si fa scrupoli a controllare la gente e a sacrificarla per i suoi interessi; ma chi si cela dietro a questo pericolosissimo criminale? In un crescendo di azione, mistero e dramma, la storia di Link Click ci regalerà una sconvolgente situazione ormai del tutto fuori controllo e allo stesso tempo ci farà assaporare l’amarezza di una drammatica violenza familiare.

Cheng Xiaoshi e Lu Guang rimangono perfettamente caratterizzati, e la loro maturazione durante questo secondo arco narrativo si percepisce principalmente nei momenti di difficoltà e nel finale davvero concitato. Nuovi personaggi entreranno in scena per aiutare e ostacolare l’indagine che i due ragazzi portano avanti; tutte queste nuove conoscenze sono ben delineate, ma palleggiano a confronto del cattivo di turno. Quando si parla di una grande storia, ci si rende sempre conto che dietro c’è un grande cattivo con un vissuto quasi sempre estremamente complesso e complicato. Anche in Link Click la storia dietro al killer è incredibilmente drammatica nella sua totale brutalità, e questo esalta ancora di più questa seconda stagione. Ci sono forse alcune piccole sbavature su alcune giustificazioni un po’ fragili, ma sono sviste più che tollerabili nel complesso della storia narrata.

I disegni rimangono di ottima qualità mantenendo quello stile molto longilineo che evidentemente è stato studiato ad arte per renderlo altamente riconoscibile. Anche l’animazione rimane molto fluida e devo ammettere che non perde minimamente di qualità nelle scene d’azione più concitate, cosa che invece accade in tanti altri prodotti che improvvisamente provano a fare qualcosa che non gli appartiene. Quello che mi ha stupito è la sequenza animata di tutt’altra fattura che si può ammirare tra la sigla e l’inizio di ogni puntata; l’esperimento, se così lo possiamo chiamare, è realizzato con una tecnica in computer grafica davvero ben riuscita che però si limita a poche sequenze di sguardi; che sia un indizio per qualcosa di nuovo all’orizzonte?

La prima stagione ha una sigla iniziale non particolarmente entusiasmante, affiancata da una canzone orecchiabile che rimane impressa nella memoria. Invece la nuova proposta sembra invertire i fattori; l’idea del video è decisamente più interessante, giocando con il tempo che si riavvolge fino a che i due protagonisti non si danno il “cinque” per poi tornare a scorrere ripercorrendo velocemente al contrario le immagini già viste. In questo caso è la musica a non supportare sempre a dovere la parte visiva; alcuni spezzoni della sigla andavano sostenuti musicalmente in modo più convincente.

Tratto e continua a leggere su:

Link Click – Stagione 2: la recensione

Scritto da MarcoF  

La Tana del Cobra

La Tana del Cobra

La Tana Del Cobra e' una webzine indipendente e politicamente scorretta,
online dal 1999.

Siamo orgogliosi di dire ciò che realmente pensiamo nei nostri articoli come
nelle nostre recensioni, senza scendere a compromessi di comodo.
Ci occupiamo di politica, società, approfondimenti, recensioni, film, serie tv,
animazione, videogiochi, giochi da tavolo, giochi di ruolo, musica, manga,
storia, libri, podcast comici, podcast musicali e tanto altro ancora.

Link utili:

https://www.tanadelcobra.com/


https://www.facebook.com/LaTanaDelCobra/


https://twitter.com/TanaCobra


https://steamcommunity.com/groups/tanadelcobra/curation

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!