CorriereNerd.it

L’incredibile Hulk

Umano, troppo umano, per essere un supereroe. Hulk torna sul grande schermo nelle peggiori condizioni. Bruce Banner, inseguito dall’esercito americano, si è rifugiato in Brasile, dove vive in una favela e lavora come tuttofare in una fabbrica di bibite. Nel tempo libero cerca una cura per la sua mutazione, segue corsi di combattimento e prende lezioni sul controllo della rabbia. Una vita scandita dal ritmo dell’orologio contabattiti, con la paura di ‘esplodere’. La ciliegina sulla torta? Betty Ross (Liv Tyler), la donna che Bruce ha abbandonato per proteggerla, si è messa con un altro uomo, uno psicologo che non sarà bellissimo ma sicuramente ha il pregio di non dover vivere isolato. “L’incredibile Hulk” inizia così e Bruce Banner (Edward Norton) suscita compassione. Viene anche individuato dall’esercito, scappa di nuovo e torna negli Stati Uniti, a cercare l’aiuto della sua Betty e del dottor Sterns, scienziato un po’ pazzo e un po’ semplicemente scemo, che cerca di aiutare Bruce a guarire ma in realtà fa più danni che altro.

Questo nuovo film inizia qualche anno dopo l’esposizione di Bruce Banner ai raggi gamma, e quindi dopo l'”Hulk” di Ang Lee (correva l’anno 2003). Il generale Thaddeus Ross (William Hurt) ha dispiegato tutte le forze del Pentagono alla ricerca di Hulk, con la speranza di studiarne il Dna e trasformarlo in arma. Ma, mentre i proiettili dei soldati sono solo un fastidioso solletico per il nostro eroe “al pistacchio” – come lo chiama il dottor Sterns – il supersoldato mutante Emil Blonsky, un Tim Roth in gran forma, è un nemico più alto, più veloce e ben più pericoloso, tanto da meritarsi il nome di “Abominevole”.

Hulk è il Frankenstein della Marvel. Nato, per ammissione del suo creatore Stan Lee, come incrocio fra il personaggio di Mary Shelley e il dottor Jekyll/Mister Hyde di Robert Louis Stevenson, è un eroe ‘suo malgrado’. Bruce Banner fugge dal suo alter ego verde, cerca di controllarlo, vorrebbe solo trovare una cura alle radiazioni gamma a cui è stato esposto. Per Bruce ‘perdere il controllo’ vuol dire perdere tutto, perdere la propria apparenza umana, anche se non quell’umanità che gli si continua sempre a leggere negli occhi. E questa lotta fra ciò che è e ciò che Banner vorrebbe essere è ben resa nel film diretto da Louis Leterrier che, con qualche concessione di troppo alle scene spettacolari, risulta talvolta sopra le righe. Ma in fondo si parla di un fumetto, quindi va bene così.

Gli sceneggiatori sono stati bravi.
Hanno saputo inframmezzare i sontuosi effetti speciali e gli sfarzosi combattimenti con fasi narrative forse un po’ troppo brevi ma convincenti e a tratti divertenti. Bello – e sempre più umano, se non bambino – l’Hulk che si spaventa al cadere di un fulmine. Delicate le scene d’amore/affetto tra Norton e la Tyler, azzeccato il ruolo del professor Sterns e la scelta dell’attore Tim Blake Nelson. E i fan sorrideranno al cammeo di Lou Ferrigno, storico volto dell’Hulk televisivo, nel ruolo di una guardia di sicurezza che si fa corrompere da Edward Norton al prezzo di una pizza: un passaggio di consegne a base di capricciosa.

Il film scorre piacevole e sul finale,
nelle strade di New York va in scena il combattimento finale tra il mostro dal cuore buono e l’Abominevole Blonsky. Hulk torna a spaccare, come ai bei tempi dei fumetti e della serie tv, e ovviamente a scappare. Perché nonostante abbia salvato la città, è sempre un pericolo, è sempre ricercato e rimarrà lontano dalla sua Betty. Una evidente strizzatina d’occhio al prossimo capitolo della saga: il generale Ross, unico vero eterno nemico di Hulk, si prepara alla caccia.

Satyrnet

Satyrnet

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!