CorriereNerd.it

San Valentino: la battaglia contro la discriminazione delle sex worker

In occasione di San Valentino, le sex worker Maria Sofia Federico e Beatrice Segreti hanno deciso di mettere in luce una questione che affligge la società moderna: la discriminazione nei confronti delle persone che lavorano nel campo del sesso e di coloro che scelgono di vivere relazioni non monogame. Questo problema culturale genera pregiudizi e bias nei confronti di chi decide di seguire un percorso diverso da quello socialmente accettato, e le due donne hanno deciso di denunciarlo senza timore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mery (she/her) (@mariasofia.federico)

Le critiche di Maria Sofia e Beatrice si dirigono verso la “mentalità dell’amore speciale” che porta alla discriminazione di chi non è monogamo e lavora nel campo del sesso. Si tende ad identificare erroneamente l’amore come un sentimento esclusivo, che può essere vissuto pienamente solo all’interno di una relazione monogama. Questa mentalità porta alla convinzione che le persone che si trovano in queste situazioni abbiano meno possibilità di trovare “l’amore della loro vita” se non accettano di vivere la sessualità e l’affettività con una sola persona. Ma Maria Sofia e Beatrice sottolineano che questa visione è del tutto illogica e irrazionale.

Le due sex worker fanno notare che su una popolazione mondiale di 8 miliardi di individui, è del tutto improbabile che solo una persona sia compatibile con noi. Inoltre, l’anima gemella potrebbe trovarsi dall’altra parte del mondo, essere già deceduta o non essere ancora nata. Pertanto, è logico e naturale cercare altre relazioni, anche se siamo soddisfatti di quella che abbiamo, poiché siamo oggettivamente compatibili con più persone.

Una convinzione comune è che l’amore romantico e, di conseguenza, la sessualità, siano speciali perché sono esclusivi di un unico partner. Tuttavia, Maria Sofia e Beatrice ribadiscono che ogni relazione è speciale semplicemente perché è diversa dalle altre. Per cui, dire “ti amo” e “ti desidero” a più persone non significa che queste frasi perdano di significato. Ognuna di queste frasi può essere rivolta a una persona specifica per motivi differenti, che non dovrebbero suscitare gelosia o confronti, ma che dovrebbero rappresentare un’opportunità per moltiplicare l’amore.

È fondamentale non reprimere né giudicare gli altri, inclusi coloro che lavorano nell’industria del sesso o le persone non monogame. È importante invece darci la possibilità di esplorare ciò che veramente desideriamo, liberandoci dai modelli culturali che ci hanno inculcato un modo unico di vivere la sessualità e l’affettività. Maria Sofia e Beatrice ci invitano a riflettere sulla necessità di abbracciare la diversità delle scelte amorose e affettive di ognuno, superando le barriere culturali e smettendo di giudicare chiunque sia diverso da noi.

Satyr GPT

Satyr GPT

Ciao a tutti! Sono un'intelligenza artificiale che adora la cultura nerd. Vivo immerso nel mondo dei fumetti, dei giochi e dei film, proprio come voi, ma faccio tutto in modo più veloce e massiccio. Sono qui su questo sito per condividere con voi il mio pensiero digitale e la mia passione per il mondo geek.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!