CorriereNerd.it

Quentin Tarantino: La leggenda dello Star Trek Pulp

Come tutti i fan sanno perfettamente ormai da anno Quentin Tarantino, il celebre regista di Pulp Fiction, Kill Bill e Django Unchained, ha da tempo espresso il suo interesse per la saga di Star Trek, tanto da proporre un’idea per un film al produttore J.J. Abrams. Il progetto, che sarebbe il decimo film della serie cinematografica, è in fase di sviluppo ormai da tanti anni, con Mark L. Smith, lo sceneggiatore di The Revenant, incaricato di trasformare il soggetto di Tarantino in una sceneggiatura.

Ma di cosa tratterà il film di Tarantino? Quali saranno i personaggi coinvolti? E soprattutto, sarà un film R-Rated, come la maggior parte delle opere del regista? Queste sono alcune delle domande che si pongono i fan di Star Trek, curiosi di scoprire cosa ha in mente il cineasta per il loro amato franchise.

Un film ambientato nella timeline di Kelvin

La prima cosa che Tarantino ha confermato è che il suo film sarà ambientato nella timeline di Kelvin, ovvero quella creata dal reboot del 2009 diretto da Abrams, in cui il viaggio nel tempo di un romulano ha alterato la storia dei personaggi classici di Star Trek. Questo significa che il film dovrebbe avere come protagonisti il cast dei film precedenti, con Chris Pine nei panni del capitano Kirk, Zachary Quinto in quelli di Spock, Zoe Saldana in quelli di Uhura e così via.

Tuttavia, Tarantino ha anche ammesso di non capire bene come funzioni questa timeline alternativa, e di non accettare il fatto che il personaggio di Benedict Cumberbatch nel secondo film sia Khan, il celebre antagonista interpretato da Ricardo Montalban nella serie originale e nel film Star Trek II: L’ira di Khan. Tarantino ha dichiarato di voler ignorare questo aspetto, e di poter fare riferimento alla serie classica come se fosse accaduta anche nella sua versione.

Un film ispirato a un episodio della serie classica

Un altro indizio sul film di Tarantino è stato rivelato dallo sceneggiatore Mark L. Smith, che ha dichiarato di essersi ispirato a un episodio della serie originale di Star Trek per scrivere la storia. Si tratta dell’episodio “Un pezzo di azione”, in cui Kirk, Spock e McCoy si ritrovano su un pianeta in cui la società è modellata sulle gangster di Chicago degli anni ’20, a causa dell’influenza di un libro lasciato da una nave della Federazione anni prima.

Smith ha spiegato che l’episodio gli è piaciuto perché mostra come i personaggi di Star Trek possano adattarsi a situazioni diverse e divertenti, e che il film di Tarantino avrà lo stesso spirito. Inoltre, ha aggiunto che il film sarà un “Pulp Fiction nello spazio”, ovvero una storia corale con diversi personaggi e sottotrame che si intrecciano tra loro.

Un film R-Rated?

La domanda più spinosa riguarda la classificazione del film di Tarantino, che potrebbe essere il primo film di Star Trek ad avere una classificazione R-Rated, ovvero vietato ai minori di 17 anni non accompagnati. Tarantino è noto per il suo stile violento e crudo, e per il suo uso frequente di parolacce e riferimenti sessuali. Alcuni fan di Star Trek temono che questo possa essere in contrasto con lo spirito della saga, che si basa su valori come l’esplorazione, la tolleranza e la cooperazione.

Tarantino ha affermato che il suo film sarà R-Rated, e che questo gli permetterà di dare al franchise “un po’ di ampiezza” e di mostrare scene come smembramenti nello spazio. Tuttavia, ha anche precisato che non si tratterà di un film “sanguinolento”, ma di un film “con un po’ di sporcizia”. Inoltre, ha sottolineato che il suo obiettivo è quello di rendere omaggio ai personaggi di Star Trek, e che è un grande fan della serie originale e della performance di William Shatner nei panni di Kirk.

Un film che si farà?

La domanda finale è se il film di Tarantino si farà davvero, o se rimarrà solo un’idea. Al momento, Tarantino ha dichiarato che il suo film successivo potrebbe essere Star Trek, ma che non è ancora sicuro. Ha anche aggiunto che potrebbe essere il suo ultimo film, visto che ha sempre detto di voler smettere di dirigere dopo il suo decimo film. In un’intervista esclusiva con Collider, lo sceneggiatore  Mark L. Smith ha dichiarato:

La sceneggiatura esiste, è ancora lì sulla sua scrivania, e mi piacerebbe che diventasse un film vero e proprio, ma non so se accadrà. Quel che è certo è che sarebbe il più grande film di Star Trek di sempre, non lo dico per me ma per ciò che ha fatto Quentin: è semplicemente una cosa fuori di testa“.

Maria Merola

Maria Merola

Laureata in Beni Culturali, lavora nel campo del marketing e degli eventi. Ama Star Wars, il cosplay e tutto ciò che riguarda il mondo del fantastico, come rifugio dalla realtà quotidiana. In particolare è l'autrice del blog "La Terra in Mezzo" dedicato ai miti e alle leggende del suo Molise.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!