CorriereNerd.it

Omoda e Jaecoo: le auto cinesi di Chery sbarcano in Europa dall’Italia

L’Italia è il primo paese europeo in cui arriveranno le auto cinesi di Chery, il costruttore pubblico che ha creato due marchi per il mercato del Vecchio Continente: Omoda e Jaecoo.

Ma non si tratta solo di vendere auto: Chery ha anche in mente di costruirle in Europa, magari proprio in Italia. “Stiamo valutando questa possibilità”, afferma Dickson Huang, il responsabile della rete di Omoda, il brand giovane e dinamico di Chery. “Abbiamo già avviato delle discussioni in merito, ma non abbiamo ancora preso una decisione”, aggiunge durante una conferenza online con i suoi colleghi Alex Zhou Yin, responsabile di prodotto, e Marco Zhou, responsabile marketing per l’Italia di Chery, la casa madre. L’unica cosa certa è che Chery non userà gli stabilimenti della DR Motor, la società italiana fondata da Massimo Di Risio che produce su licenza anche delle Chery.

L’altro brand che Chery vuole imporre in Europa è Jaecoo, pensato per una clientela più matura e abbiente. Il lancio italiano è previsto per il prossimo anno e il recente inasprimento delle norme europee sulle importazioni di auto dalla Cina non intimorisce i dirigenti di Chery: “Il mercato è aperto e confidiamo nell’intelligenza dei politici”, dice Dickson Huang.

La produzione locale faciliterebbe le operazioni di Chery, ma ci sono ancora molti aspetti da definire, come il posizionamento e i tempi. Il primo modello che arriverà in Italia sarà la Omoda 5, un Suv di 4,4 metri di lunghezza e 1,6 di altezza, con un passo di 2,63 metri. La Omoda 5 sarà disponibile in due versioni: una con motore a benzina da 1.6 litri, 185 Cv e 275 Nm di coppia, che raggiunge i 206 km/h di velocità massima e consuma 7,6 litri ogni 100 km, e l’altra con motore elettrico da 204 Cv e 340 Nm di coppia, che ha un’autonomia di 450 km nel ciclo WLTC (circa 430 nel ciclo WLTP) e una velocità massima di 170 km/h. Lo scatto da 0 a 100 km/h è di 7,8 secondi. Il prezzo della versione a benzina dovrebbe essere di 28.000 euro, mentre per quella elettrica, che pesa poco più di 1.700 kg, non ci sono ancora indicazioni.

La presentazione nazionale della Omoda 5 è prevista tra febbraio e marzo, quando inizierà anche la vendita della versione a benzina. Il brand sta lavorando per sviluppare la sua rete di concessionari, che conta già una decina di punti vendita.

In luglio arriverà invece la Jaecoo 7, un Suv leggermente più grande (4,5 metri) e con un passo di 2,65 metri, che sarà proposto inizialmente con lo stesso motore a benzina da 1.6 litri e 185 Cv della Omoda 5. In autunno seguirà la versione ibrida plug-in, che potrà percorrere fino a 88 km in modalità elettrica (e fino a 160 km nel ciclo WLTP dal 2025) e avrà un’autonomia totale superiore a 1.000 km.

Chery ha dei piani molto ambiziosi per i suoi due marchi: entro il 2024 punta a vendere 30.000 auto in Italia, pari al 2% del mercato, superando così un marchio storico come Alfa Romeo e anche la stessa DR Motor. Entro il 2025 l’obiettivo è di arrivare al 4%, più di Bmw o quasi il doppio di Skoda, per fare alcuni esempi.

maio

maio

Massimiliano Oliosi, nato a Roma nel 1981, laureato in giurisprudenza, ma amante degli eventi e dell'organizzazione di essi, dal 1999 tramite varie realtà associative locali e nazionali partecipa ad eventi su tutto il territorio nazionale con un occhio particolare al dietro le quinte, alla macchina che fa girare tutto.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!