CorriereNerd.it

La serie tv dimenticata di Death Valley

Vi fu un periodo durante gli anni 90 e poi proseguito su alcune produzioni ancora tutt’oggi, programmi in presa diretta in pratica delle troupe televisive, si aggregano ad una pattuglia di polizia, oppure all’interno di un pronto soccorso o nella caserma dei vigili del fuoco, seguendoli passo passo per un intero turno, dove riprendono tutti gli incarichi che la pattuglia o il reparto dove questa troupe è stata assegnata, seguendone le procedure, e anche le varie situazioni che si susseguono volta per volta, vi potranno essere situazioni di estrema emergenza come anche situazioni che possono avere un risvolto comico, di questi programmi possiamo ricordare COPS, Airport Security e 911 per dirne qualcuno, e alcuni sono anche stati trasmessi in Italia su canali come DMax.

Questi programmi poi hanno anche avuto un discreto successo che alcune stazioni televisive, o produttori cinematografici, ne hanno tratte delle serie televisive oppure una serie di film, tra i più conosciuti, ricordiamo la produzione spagnola della quadrilogia di REC che poi ne venne fatto un remake americano del primo film e anche la serie di film Paranomal Activity.

Quella di cui vogliamo parlare oggi è una serie televisiva prodotta nel 2010 intitolata Death Valley, una serie poliziesca con tinte horror ambientata nella Sun Fernando Valley in California, composta da una sola stagione di 12 episodi e trasmessa sia negli Stati Uniti che in Italia sul canale MTV

Trama

La serie si basa sulle situazioni che una troupe televisiva riprende all’interno di uno dei tanti distretti del dipartimento di polizia di Los Angeles (LAPD), più precisamente la divisione Undead Task Force abbreviata con la sigla di servizio U.T.F..

Ogni episodio è montato come fosse un vero e proprio documentario in presa diretta di una normale giornata lavorativa delle pattuglie della UTF e anche delle varie situazioni che la divisione affronta giorno per giorno, le telecamere infatti seguono passo passo quello che accade ai vari protagonisti come il capo divisione il Capitano Frank Dashell e gli agenti Joe Stubecker e Carla Rinaldi o l’agente John “John-John” Johnson.

La particolarità della divisone della UTF, non sono le classiche situazioni che un normale distretto o divisione della polizia si occupa, infatti l’Undead Task Force come il nome riferisce, tratta casi particolari, come per esempio interviene in caso di zombi e/o lupi mannari e vampiri, infatti la divisione si occupa della vera e propria parte oscura di Los Angeles e dintorni, troveremo i vari agenti di pattuglia che affrontano e in molti casi arrestano creature della notte come lupi mannari ad esempio, utilizzando mezzi e attrezzature adatte ad affrontare queste situazioni, come aste con laccio per evitare di essere morsi, pistole taser, acqua benedetta, croci e paletti di legno, come dei veri e propri cacciatori come in “supernatural” ma senza dimenticare di essere al servizio della polizia, infatti in caso di arresto i vari “sospettati” gli vengono elencati i loro “diritti” ovviamente adattati al loro status di non-morti o creature delle tenebre.

Ma la serie non riprendeva solo le varie situazioni di pattuglia, ma seguiva ogni momento della giornata della divisione, infatti si vedevano quando i vari sospettati venivano portati in cella e registrati come fosse un normale arresti, i vari confronti con le vittime per stabilire se lo zombie arrestato era veramente il colpevole oppure uno zombie innocente per fare un esempio, vediamo anche gli agenti di ritorno dal loro turno di servizio che redigono i vari rapporti, il capitano che discute animatamente con il “politico” di turno oppure coi suoi superiori per questioni di budget, e anche le varie situazioni personali, colleghi che si sposano, divorziano hanno dei figli, pensionamenti, nuovi amori, come fosse un documentario basato su una giornata tipo di distretto di polizia, con la differenza che invece dei soliti taccheggiatori o spacciatori di droga, essi affrontano zombie oppure umani che spacciano sangue finto ai vampiri.

Le situazioni più divertenti, sono quando gli agenti vanno nelle scuole della zona ha descrivere una loro giornata tipo e sia i bambini che gli insegnati come i genitori, seguono le varie lezioni e ascoltano i vari consigli, come se dover affrontare tali creature in quella zona di Losa Angeles fosse all’ordine del giorno.

Peccato che la serie sia durata così poco, infatti me la ricordo, in quanto sono riuscito a vedere tutti gli episodi che vennero trasmessi ai tempi d’oro di MTV in Italia, e forse purtroppo fecero un solo passaggio, è il classico caso di serie televisive che avrebbero potuto avere una continuazione, anche perché riprende temi molto attuali come il lavoro della polizia che si ritrova sempre ad affrontare situazioni quotidiane con fondi sempre più diminuiti, attrezzature molto spesso inadeguate e anche il muro di gomma che i media a volte mettono i bastoni tra le ruote alle verie indagini, il tutto dipinto con quelle situazioni horror-comiche già utilizzate in serie televisive come Buffy l’ammazzavampiri e in alcuni episodi di supernatural.

Unica stagione con pochi episodi, ma ben studiati e sceneggiati, che meriterebbe un nuovo passaggio televisivo e magari anche un paio di remake

Marco Giovanni Lupani

Marco Giovanni Lupani

grande appassionato di cinema di fantascienza, fantasy, horror e Trash. Interessato anche ai fumetti di ogni genere dai comics ai manga a quelli d'autore. Cosplayer della vecchia guardia dagli anni 90
intrigato da ogni cosa che possa stimolare la sua curiosità

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!