CorriereNerd.it

La DeLorean DMC-12 compie 40 anni: il giorno in cui nacque la leggenda

Era il 21 gennaio 1981 quando, dopo tante difficoltà e sfide, la prima DeLorean DMC-12 uscì dalla linea di produzione della DeLorean Motor Company, a Dunmurry, in Irlanda del Nord. Era il VIN 500, il primo esemplare di serie di quella che sarebbe diventata una delle auto più celebri e ammirate della storia del cinema e dell’automobilismo.

La DeLorean DMC-12 era il frutto della visione di John DeLorean, un ex dirigente della General Motors che nel 1975 aveva fondato la sua azienda con l’ambizione di creare un’auto sportiva, lussuosa e innovativa, che potesse competere con le prestigiose marche europee. Per realizzare il suo sogno, DeLorean si era avvalso della collaborazione di due maestri del design e dell’ingegneria: Giorgetto Giugiaro, che aveva disegnato la carrozzeria in acciaio inossidabile e le porte ad ali di gabbiano, e Colin Chapman, il fondatore della Lotus, che aveva curato lo sviluppo tecnico e meccanico.

La DMC-12 era stata presentata al pubblico nel 1981, dopo aver superato numerosi ostacoli e ritardi, dovuti sia alla complessità del progetto che alla situazione politica ed economica dell’Irlanda del Nord, dove DeLorean aveva ottenuto dei finanziamenti dal governo britannico per costruire la sua fabbrica. In soli 842 giorni, un terreno agricolo era stato trasformato in uno stabilimento moderno e funzionale, in grado di produrre un veicolo unico nel suo genere.

Tuttavia, il giorno del debutto ufficiale della DMC-12 non fu privo di imprevisti. Il VIN 500, infatti, subì un incidente durante il trasporto dalla fabbrica al luogo della presentazione, danneggiando la parte anteriore dell’auto. DeLorean dovette quindi sostituire il veicolo con un altro, il VIN 502, che però non era ancora completo di tutti i dettagli e le rifiniture. Nonostante questo, DeLorean riuscì a mostrare alla stampa, che si era radunata in gran numero per l’occasione, la sua opera d’arte, che suscitò grande interesse e ammirazione.

La DMC-12 era dotata di un motore V6 da 2,8 litri, che erogava 132 CV e le consentiva di raggiungere i 209 km/h di velocità massima. Il cambio poteva essere manuale a cinque marce o automatico a tre. L’auto aveva una linea aerodinamica e futuristica, con una carrozzeria in acciaio inossidabile non verniciato, che le conferiva un aspetto brillante e resistente alla corrosione. Le porte ad ali di gabbiano, poi, erano il tratto distintivo della DMC-12, che le rendeva facilmente riconoscibile e le donava un’aria da astronave.

La DMC-12 era l’auto che John DeLorean aveva sempre sognato di realizzare, quella che portava il suo nome e che esprimeva la sua personalità e il suo stile. Purtroppo, però, il suo sogno durò poco. La DeLorean Motor Company fallì nel 1982, dopo aver prodotto circa 9.200 esemplari di DMC-12, a causa delle scarse vendite, del prezzo elevato (circa 25 mila dollari), delle prestazioni modeste e della crisi economica. Lo stesso DeLorean fu accusato di traffico di droga, ma fu poi assolto.

La DMC-12 sembrava destinata a essere dimenticata, ma il destino le riservò una seconda vita. Nel 1985, infatti, il regista Robert Zemeckis la scelse come macchina del tempo per il suo film Ritorno al futuro, con Michael J. Fox e Christopher Lloyd. La DMC-12 fu modificata con vari gadget e accessori, tra cui il famoso flusso canalizzatore, che le permetteva di viaggiare nel tempo quando si raggiungevano i 140 km/h. Il film fu un successo mondiale e la DMC-12 divenne un’icona popolare, tanto da apparire anche nei due sequel, Ritorno al futuro – Parte II e Ritorno al futuro – Parte III.

Da allora, la DMC-12 è diventata un oggetto di culto per i fan della saga e per gli appassionati di auto, che la cercano e la collezionano. Oggi, esistono ancora circa 6.500 esemplari di DMC-12, molti dei quali restaurati e personalizzati. Il valore di mercato di una DMC-12 originale si aggira intorno ai 40-50 mila euro, ma può salire anche oltre i 100 mila euro per le versioni più rare e curate.

Nel 2016, la DeLorean Motor Company, che era stata rilevata da un imprenditore texano, ha annunciato l’intenzione di riprendere la produzione di DMC-12 in edizione limitata, utilizzando i pezzi di ricambio originali. Inoltre, nel 2020, è stato presentato il progetto di una DeLorean elettrica, chiamata Alpha5, che dovrebbe essere lanciata nel 2024.

La DeLorean DMC-12 è quindi una macchina che non smette di stupire e di affascinare, grazie al suo stile unico e alla sua storia avventurosa. Come diceva il Doc nel film, “se devi costruire una macchina del tempo, perché non farlo con stile?”.

Gianluca Falletta

Gianluca Falletta

Gianluca Falletta, creatore di Satyrnet.it, finalista nel 2019 di Italia's Got Talent, è considerato "il papà del Cosplay Italiano". Come uno dei primi sostenitori e promotori del fenomeno made in Japan in Italia, Gianluca, in 25 anni di attività ha creato, realizzato e prodotto alcune delle più importanti manifestazioni di  settore Nerd e Pop, facendo diventare Satyrnet.it un punto di riferimento per gli appassionati. Dopo "l'apprendistato" presso Filmmaster Events e la Direzione Creativa di Next Group, due delle più importanti agenzie di eventi in Europa, Gianluca si occupa di creare experience e parchi a tema a livello internazionale e ha partecipato allo start-up dei nuovissimi parchi italiani Cinecittà World, Luneur Park e LunaFarm cercando di unire i concetti di narrazione, creatività con l'esigenza di offrire entertainment per il pubblico.
Per info e contatti gianlucafalletta.com

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!