CorriereNerd.it

Intelligenza artificiale: Coscientist, il nuovo compagno di laboratorio che accelera le scoperte scientifiche

L’intelligenza artificiale (AI) sta rapidamente diventando una parte sempre più importante della ricerca scientifica. Un nuovo sistema di AI chiamato Coscientist ha dimostrato il suo potenziale rivoluzionario, riuscendo per la prima volta a comprendere, progettare e portare a termine in totale autonomia un complesso esperimento che è valso il Premio Nobel per la Chimica nel 2010.

L’esperimento consisteva nelle cosiddette “reazioni di accoppiamento incrociato catalizzate da palladio”, ora ampiamente utilizzate a livello industriale, dalla farmaceutica fino all’elettronica. Queste reazioni sono state sviluppate indipendentemente da tre scienziati, Richard Heck, Ei-ichi Negishi e Akira Suzuki, che hanno ricevuto il Premio Nobel per la Chimica nel 2010.

I ricercatori hanno iniziato insegnando a Coscientist come controllare i vari strumenti e macchinari presenti nel laboratorio. Successivamente, hanno chiesto a Coscientist di ricreare il noto esperimento da Nobel. Naturalmente, Coscientist non aveva mai tentato queste reazioni prima, quindi ha effettuato una ricerca su Wikipedia per capire come fare.

In meno di quattro minuti, l’IA ha progettato una procedura accurata e si è messa al lavoro per eseguirla. Ha inizialmente commesso un errore nel codice scritto per controllare lo strumento che scalda e scuote i campioni liquidi, ma senza intervento da parte di nessuno si è accorta del problema e lo ha corretto, portando a termine il suo compito con successo.

“Questa è la prima volta che un’intelligenza non organica pianifica, progetta ed esegue questa complessa reazione inventata dagli esseri umani”, ha commentato Gabe Gomes, che ha guidato lo studio. “È un risultato significativo che dimostra il potenziale dell’intelligenza artificiale per accelerare le scoperte scientifiche.”

Il successo di Coscientist apre la strada a nuovi sviluppi nell’intelligenza artificiale applicata alla ricerca scientifica. I sistemi di AI come Coscientist potrebbero essere utilizzati per automatizzare compiti complessi, liberando i ricercatori per concentrarsi su attività più creative e strategiche. Inoltre, i sistemi di AI potrebbero aiutare i ricercatori di diversi campi a collaborare più facilmente, contribuendo a ridurre le barriere tra le discipline.

L’intelligenza artificiale è una tecnologia emergente che sta rapidamente cambiando il mondo. Il successo di Coscientist dimostra che l’AI ha il potenziale di rivoluzionare anche il campo della ricerca scientifica.

maio

maio

Massimiliano Oliosi, nato a Roma nel 1981, laureato in giurisprudenza, ma amante degli eventi e dell'organizzazione di essi, dal 1999 tramite varie realtà associative locali e nazionali partecipa ad eventi su tutto il territorio nazionale con un occhio particolare al dietro le quinte, alla macchina che fa girare tutto.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!