CorriereNerd.it

Indiegogo vs Kickstarter: la guida definitiva per il crowdfunding di successo

Scegliere la piattaforma giusta per il tuo progetto è fondamentale per il successo della tua campagna di crowdfunding. Indiegogo e Kickstarter sono due delle piattaforme più popolari, ma presentano differenze cruciali che potrebbero influenzare il risultato del tuo fundraising.

In questo testo riassumiamo le caratteristiche principali di entrambe le piattaforme, evidenziandone i pro e i contro, per aiutarti a fare la scelta giusta.

Caratteristiche Generali:

  • Indiegogo: Aperta a una più ampia gamma di progetti, inclusi quelli a scopo benefico e con finalità non creative. Permette di prelevare i fondi anche se l’obiettivo non viene raggiunto.
  • Kickstarter: Focalizzata su progetti creativi (arte, musica, design, tecnologia, ecc.). Richiede il raggiungimento dell’obiettivo per poter accedere ai fondi raccolti.

Ubicazione e Requisiti:

  • Indiegogo: Accessibile a tutti i maggiorenni con un conto bancario, indipendentemente dalla nazionalità o residenza (esclusi i paesi sanzionati OFAC).
  • Kickstarter: Richiede la maggiore età e la residenza in uno dei paesi elencati (USA, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda, ecc.).

Modalità di Raccolta Fondi:

  • Indiegogo: “Tutto o niente” e “Flessibile”. Con “Tutto o niente” si ricevono i fondi solo al raggiungimento dell’obiettivo; con “Flessibile” si possono prelevare i fondi anche se l’obiettivo non viene raggiunto.
  • Kickstarter: Solo “Tutto o niente”. Se l’obiettivo non viene raggiunto, i fondi non sono accessibili e le donazioni vengono rimborsate ai sostenitori.

Costi:

  • Indiegogo: 4% di commissione sul totale raccolto se l’obiettivo viene raggiunto, 9% se non viene raggiunto.
  • Kickstarter: 5% di commissione sul totale raccolto, più una spesa di gestione variabile dal 3 al 5%.

Categorie di Progetti:

  • Indiegogo: Ampia gamma di categorie, inclusi progetti artistici, benefici, tecnologici e non profit.
  • Kickstarter: Limitato a progetti creativi (arte, musica, design, tecnologia, ecc.).

Visibilità e Successo:

  • Kickstarter: Maggiore visibilità e notorietà, in particolare per progetti tecnologici, creativi e artistici.
  • Indiegogo: Minore visibilità generale, ma maggiore flessibilità e possibilità di successo per progetti non rientranti nelle categorie di Kickstarter.

Scegliere la piattaforma giusta:

  • Indiegogo: Ideale per progetti a scopo benefico, non profit, con obiettivi di raccolta non elevati o con categorie non ammesse su Kickstarter.
  • Kickstarter: Ottima per progetti creativi con alto potenziale di engagement e visibilità, che necessitano di una community ampia e attiva.

In definitiva, la scelta tra Indiegogo e Kickstarter dipende dalle caratteristiche specifiche del tuo progetto, dagli obiettivi di raccolta e dal tuo target di riferimento. Valuta attentamente i pro e i contro di entrambe le piattaforme per prendere la decisione più idonea al tuo caso.

maio

maio

Massimiliano Oliosi, nato a Roma nel 1981, laureato in giurisprudenza, ma amante degli eventi e dell'organizzazione di essi, dal 1999 tramite varie realtà associative locali e nazionali partecipa ad eventi su tutto il territorio nazionale con un occhio particolare al dietro le quinte, alla macchina che fa girare tutto.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Nerd Artists Collective

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!