CorriereNerd.it

Integrazione e disintegrazione

E’ facile parlare d’integrazione quando, d’integrazione, un’idea ben chiara non si ha. Soprattutto se a farlo siamo noi, occidentali, abituati ad “accogliere”, a “tollerare”, a far coincidere, troppo spesso, l’integrazione con l’assimilazione. Siamo a Frascati, al Festival della storia (In) Contemporanea.

 

Si parla di Islam, di musulmani d’occidente; di come questa gente raggiunga terre lontane dalla propria con un bagaglio enorme di storia e di tradizioni. E di come questo bagaglio rimanga emarginato e ghettizzato ai lati della società, troppo grande e pesante per essere aperto. Noi, mondo occidentale, troppe volte commettiamo l’errore di ritenere universalmente giusto ciò che per noi è giusto, di non relativizzare le differenze e la diversità, di non metterci dalla parte di chi, costretto da necessità ingenti, è obbligato a dover emigrare. Nonostante l’Italia sia stata, prima di tutto, terra d’emigranti. Parliamo di tolleranza, senza essere coscienti che la parola tolleranza ha, per sua natura, un significato negativo. Tollerare equivale a sopportare, ad accettare cioè qualcosa malvolentieri, perché proprio non se ne può fare a meno.
 
Tuttavia, al contempo, ci scontriamo effettivamente con una rigidità, con dei principi, con delle religioni difficili da comprendere, e che forse spaventano un po’. L’assimilazione, da parte dei migranti, della nostra cultura e dei nostri valori, è un’ipotesi che a molti piace. L’idea che un maghrebino o un tunisino vengano assimilati, assorbiti yotalmente dalla nostra società è senza dubbio però una previsione piuttosto azzardata, quasi utopica. Assimilazione, purtroppo, quasi sempre, significa omologazione; perdita d’identità; perdita del proprio passato e della propria storia. Con tutto ciò che una violenza simile può generare; si pensi solo al modello francese, alle rivolte che il novembre scorso sono esplose nelle banlieue, mettendo in subbuglio Parigi e non solo. Seconde e terze generazioni con crisi d’identità, senza veri e propri legami né con le origini, né con lo stato francese. Disagi in aumento, così come criminalità e povertà. Richiesta di attenzione, necessità di sentirsi visibili.

Fallito il modello francese
; fallito il modello inglese dopo i fatti del 7 luglio; fallito il modello olandese dopo l’uccisione di V. Gogh. La via da percorrere, e, si capisce, da entrambe le parti, è una sola: quella della collaborazione e dell’accettazione. Un venirsi incontro graduale e rispettoso. Perché la tanto sospirata “integrazione” non si trasformi in un lento processo di “disintegrazione”.
Satyrnet

Satyrnet

C'è un mondo intero, c'è cultura, c'è Sapere, ci sono decine di migliaia di appassionati che come noi vogliono crescere senza però abbandonare il sorriso e la capacità di sognare.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Nerd Artists Collective

Seguici

Facebook Page
Instagram

Iscriviti a Satyrnet

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!