CorriereNerd.it

Due grandi eredità di Akira Toriyama

La morte di Akira Toriyama ha senza dubbio lasciato un vuoto nel mondo degli anime e manga, ma il suo contributo straordinario continuerà a vivere nei cuori dei suoi fan. La scomparsa del maestro, il leggendario creatore di Dragon Ball e Dr. Slump, ha colto tutti di sorpresa, dato che non erano emersi problemi di salute pregressi.

Toyotarō, l’autore della versione a fumetti di Dragon Ball Super ed erede spirituale di Toriyama, ha recentemente rivelato quali sono stati gli ultimi contributi di Toriyama alla sua grande. Il Maestro ha infatti suggerito al discepolo come impostare l’ultima tavola del capitolo 103, in cui Goku, Gohan, Pan e Piccolo si preparano per una nuova avventura insieme. In particolare, il saluto di Piccolo alla maestra di Pan nella tavola sembra quasi un gesto di saluto anche verso i lettori, da parte di Toriyama stesso. Purtroppo, la casa editrice Shueisha ha annunciato che il manga di Dragon Ball Super verrà messo in pausa a tempo indeterminato dopo la pubblicazione del capitolo 103.

Oltre a queste tavole, Akira Toriyama aveva preparato un discorso per il Tokyo Anime Awards Festival 2024, dove avrebbe dovuto ricevere un premio alla carriera già lo scorso febbraio, prima dell’intervento chirurgico per un tumore al cervello. Il discorso, pubblicato postumo, offre uno sguardo intimo sui pensieri del Maestro e rappresenta una grande eredità per tutti i fan del sensi.

Nel discorso, Toriyama si mostrava incerto sul ricevere il premio, affermando che gli anime, incluso Dragon Ball, non erano mai stati il suo focus principale. Esprimeva comunque profonda gratitudine per il riconoscimento e per il supporto dei fan.  Il Maestro ripercorreva i suoi inizi, ricordando l’incontro con l’animatore Toyo Ashida, figura chiave per la sua carriera.

Un futuro incerto e Dragon Ball Daima: Toriyama menzionava Dragon Ball Daima, l’ultima serie ispirata al suo universo, in uscita ad autunno 2024. Infine, accennava al suo desiderio di ridurre il carico di lavoro per dedicarsi maggiormente alla sua salute. Le opere di Akira Toriyama continueranno ad emozionare e ispirare generazioni di fan. Il suo genio creativo e la sua immaginazione hanno dato vita a mondi fantastici e personaggi indimenticabili.

“Ad essere sincero gli anime non mi hanno mai interessato molto e quando il mio lavoro è diventato un anime mi sentivo in imbarazzo a dire che non li guardavo, mi scuso con lo staff. 10 anni fa, all’improvviso, mi fu chiesto di supervisionare la sceneggiatura di un film di Dragon Ball e fare qualche semplice disegno per character design. Ho pensato “posso lasciare la parte difficile allo staff” (ride). Quindi, è molto imbarazzante che io riceva il premio alla carriera del Tokyo Anime Award Festival. Grazie mille.

Uno dei miei ricordi più indimenticabili legati all’animazione è quando incontrai Toyo Ashida per un progetto chiamato “Kosuke-sama Rikimaru-sama”, prodotto da Shonen Jump Original. Questo progetto non derivava da un manga, quindi abbiamo fatto un incontro. Era una persona amabile e abbiamo fatto subito amicizia e ogni volta che vedevo i suoi disegni rimanevo sbalordito dal suo tocco attento e veloce. Pensai “ok questo stile mi serve per velocizzare il disegno e rendere Dragon Ball più fluido”. Il tempo che utilizzavo per disegnare si è ridotto di due terzi. Ci siamo influenzati a vicenda in molti modi, e penso sia stato un periodo davvero appagante. Prego per il riposo dell’anima di Ashida.

Dragon Ball Daima che uscirà nel corso del 2024, era pianificato per essere una serie originale senza il mio contributo, ma ho dato consigli qui e là e sono finito per essere molto coinvolto dal progetto. Non sono stato coinvolto solo nella storia, ma anche sul come costruire il mondo, sul character design, sui mecha e altri aspetti. Spero che vi piaccia la serie, penso che non sia solo intensa e con tanta azione ma anche piena di sostanza.

Infine vorrei ringraziare tutti voi che mi avete supportato fino ad ora! Non sono sicuro di quanto altro possa fare dato che non sono molto sicuro della mia salute, probabilmente per la vita che ho fatto da giovane, ma farò del mio meglio per creare altri lavori interessanti perciò continuate a sostenermi!”

maio

maio

Massimiliano Oliosi, nato a Roma nel 1981, laureato in giurisprudenza, ma amante degli eventi e dell'organizzazione di essi, dal 1999 tramite varie realtà associative locali e nazionali partecipa ad eventi su tutto il territorio nazionale con un occhio particolare al dietro le quinte, alla macchina che fa girare tutto.

Aggiungi commento

Cosplayer Italiani

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Seguici su Telegram

Dona un soldo ai tuoi Satyri

Nerd Artists Collective

Iscriviti alla Newsletter

* = campo richiesto!

powered by MailChimp!